IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO CONSOLIDATO E DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2021

CONTINUA L’IMPORTANTE CRESCITA DI DEFENCE TECH HOLDING S.P.A. CONL’IMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE DI CRESCITA NEI MERCATI DELLA DATA INTELLIGENCE E CYBER SECURITY, ATTRAVERSO IL LANCIO DEI NUOVI PRODOTTI SOFTWARE PROPRIETARI

  • Ricavi: 17,3 milioni di euro (13,4 milioni di euro)1 + 29% rispetto al bilancio 2020
  • EBITDA Adj2: 6,7 milioni di euro (3,5 milioni di euro), + 90% rispetto al bilancio 2020
  • EBITDA Adj Margin: 35% (20% nel 2020)
  • EBIT Adj3 a 5,7 milioni di euro con un EBIT Adj Margin 30%, in crescita dell’80% rispettoal bilancio 2020
  • Utile Netto in forte accelerazione a 3,7 milioni di euro (+370% YoY)
  • PFN positiva (cassa netta) pari a 12,3 milioni di euro (vs -9,6 milioni di euro al 31dicembre 2020)
  • Investimenti per 5,5 milioni di euro (3,7 milioni nel 2020)

Roma, 30/03/2022 – Il Consiglio di Amministrazione di Defence Tech (EGM: DTH), Gruppo industriale leader nel mercato della Cyber Security e Data Intelligence con soluzioni proprietarie, della Difesa nazionale e dello Spazio relativamente alla realizzazione di sistemi complessi, riunitosi in data odierna ha approvato il progetto di bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2021, attualmente in fase di revisione da parte della società PWC.

Emilio Gisondi, CEO del Gruppo Defence Tech: Il 2021 è stato un anno estremamente importante, decisivo per la storia del Gruppo e ricco di soddisfazioni, dove l’operazione di IPO sul mercato Euronext Growth Milano, ha rappresentato un forte acceleratore per l’implementazione del nostro Piano Industriale. Chiudiamo l’esercizio con una crescita significativa dei ricavi, ma soprattutto con una straordinaria performance rispetto alla nostra capacità di creare profittabilità. Questi risultati confermano che la strategicità del Gruppo, sottolineata anche dai vari Decreti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è una evidenza, che si palesa nella sfida raccolta e volta ad un business model incentrato sulla scalabilità delle nuove soluzioni software per il mercato della Data Intelligence e della Cyber Security.

Conclude Gisondi: “Le peculiarità del nostro business, la strategicità che ci viene riconosciuta dai nostri clienti e partner istituzionali, i recenti accreditamenti ricevuti per CEVA ed LVS, uniti alle azioni intraprese nel corso dell’anno, mi rendono confidente sul fatto che non solo raggiungeremo tutti gli obiettivi programmati, ma riusciremo altresì a far crescere nei prossimi anni il nostro Gruppo anche più delle attese”.

***

Il bilancio di esercizio e consolidato al 31 dicembre 2021 sono stati redatti secondo i Principi Contabili Italiani. I dati sono perfettamente comparabili a quelli relativi all’esercizio 2020, redatto secondo i medesimi principi contabili.

DATI ECONOMICO FINANZIARI AL 31 DICEMBRE 2021

I ricavi dalle vendite e dalle prestazioni ammontano a € 17,3 milioni rispetto a € 13,4 milioni dell’anno precedente, con un incremento del 29%. Tale incremento è dovuto all’aumento del segmento clienti Corporate e ad un rafforzamento in termini di posizionamento competitivo per i clienti Government.

Il Gruppo Defence Tech opera su linee di business:

Cyber security & Data intelligence.

Soluzioni proprietarie di comunicazioni sicure, detection di vulnerabilità di infrastrutture critiche e soluzioni di big data & analytic abilitanti ad attività di intelligence.

Communication & Control System.

Soluzioni applicative complesse nei domini della difesa (CMS, Radar, SAR), dello spazio (Satellite Navigation e Earth Observation) e del settore avionico (Air Traffic Control).

Microelettronica.

Realizzazione di single board computer ad alta complessità con focus sul mercato navale.

I nostri servizi sono erogati attraverso le tre società operative del Gruppo, con centri di competenza dedicati alle diverse linee di business e mercati di riferimento.

L’EBITDA Adj è pari a 6,7 milioni di euro (3,5 milioni l’anno precedente) ed evidenzia un EBITDA Adj Margin pari al 35%. L’accattivante marginalità deriva dalla crescita dei ricavi e dagli effetti dell’implementazione del modello di business dotato di elevata scalabilità dei prodotti software proprietari.

Anche la diversa composizione del mix di vendita del binomio prodotti/servizi incide favorevolmente sull’EBITDA Adj Margin.

L’EBIT Adj è pari a 5,7 milioni di euro (3,2 milioni di euro al 31 dicembre 2020) facendo registrare un incremento dell’80% rispetto al 2020 e ciò nonostante si assista ad una maggiore incidenza percentuale degli ammortamenti che sono pari ad 1 milione di euro (0,4 milioni di euro).
Ciò deriva dal completamento di alcuni prodotti di cui il Gruppo è proprietario, in linea con le previsioni del Piano Industriale.

L’UTILE NETTO è pari a 3,7 milioni di euro (0,8 milioni di euro), facendo registrare un incremento del 370% rispetto al precedente esercizio.

Il Patrimonio Netto si attesta a 33,4 milioni di euro (4,6 milioni di euro nel 2020) con un incremento di 28,8 milioni di euro da attribuire alla crescita dell’utile 2021 e alla conclusione dell’operazione di IPO, la quale ha consentito una ingente raccolta di risorse destinate interamente ad aumento di capitale.

La Posizione Finanziaria Netta è positiva (cassa netta) per 12,3 milioni di euro (vs debito netto pari a 9,6 milioni di euro) per effetto delle dinamiche del Working Capital e per il “cash in” derivante dalla conclusione dell’operazione di quotazione su EGM.

FATTI DI RILIEVO DELL’ESERCIZIO 2021

  • –  In data 14 maggio 2021 tutte le società del Gruppo hanno approvato un nuovo Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. 231/2001, al fine di evitare lacune del sistema organizzativo interno e contrastare in maniera decisa ogni rischio di reato connesso all’attività svolta.
  • –  In data 11 ottobre 2021 è stato nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, composto di n. 5 membri, di cui n. 2 indipendenti.

in data 26 ottobre 2021 Defence Tech Holding S.p.Aha ricevuto comunicazione di ammissione delle proprie azioni ordinarie alle negoziazioni sul mercato Euronext Growth Milano (già AIM Italia), con negoziazioni avviate in data 29 ottobre 2021. L’ammissione è avvenuta ad esito della conclusione del collocamento di complessive 7.142.857 azioni ordinarie di nuova emissione per un controvalore totale di 25 milioni di euro, a fronte di una domanda complessiva superiore a 118 milioni di euro, pari a circa 5 volte l’offerta. La domanda complessiva è pervenuta da primari investitori istituzionali italiani.

– in data 1 dicembre 2021 il CEO, Emilio Gisondi, ha comunicato che modificherà nel corso del 2022 lo statuto della Holding affinchè possa acquisire lo status di Società Benefit con l’obiettivo di mettere al centro il bene della comunità locale, dei dipendenti ed il loro benessere, valorizzando l’aspetto umano e promuovendo un ambiente più inclusivo. Ciò significherà orientare le scelte di investimento anche verso politiche a rilevanza sociale e rafforzare la sensibilità verso i temi ESG grazie ad un piano strategico che integrerà le proprie linee guida con quelle del piano programmatico di sostenibilità.

FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO 2021

  • –  il 11 gennaio 2022 Defence Tech ha superato brillantemente, attraverso la controllata Next Ingegneria dei Sistemi SpA, il processo di accreditamento del Centro di Valutazione (CE.VA.), che si occupa di verificare le condizioni di sicurezza e l’assenza di vulnerabilità di prodotti, apparati e sistemi utilizzati nelle infrastrutture e nelle reti ritenute critiche per l’interesse nazionale. Il centro, già operativo, è in trattativa per diverse commesse nei settori Aerospazio e Difesa. Per Defence Tech si tratta di un riconoscimento importante che premia gli investimenti sostenuti negli ultimi anni per la predisposizione di aree tecnologicamente avanzate e l’assunzione di personale altamente qualificato.
  • –  Il 16 febbraio 2022 Defence Tech, attraverso la sua controllata Next Ingegneria dei Sistemi S.p.A, dopo aver reso operativo il Laboratorio di Valutazione della Sicurezza Informatica (LVS), che effettua attività di verifica in tutte le fasi di analisi, realizzazione e gestione di prodotti e sistemi che siano rilevanti dal punto di vista della Sicurezza Informatica, ha ottenuto l’accreditamento da parte dell’OCSI, Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, avendone verificato la conformità ai criteri internazionali standard ISO/IEC 17025 (requisiti generali per la verifica della competenza dei laboratori) e ISO/IEC IS-15408 (Common Criteria). Questo per la Defence Tech rappresenta un ulteriore passo per la crescita dei ricavi del mercato corporate, potendo offrire servizi sempre più ampi in ambito Cyber Security.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

Il Gruppo Defence Tech intende proseguire il suo percorso di crescita organica attraverso l’implementazione del piano industriale ‘21-’23, cogliendo le opportunità di M&A nel caso di abilitatori a nuove tecnologie e competenze.

Il contesto di riferimento, che ha visto attacchi cyber sempre più frequenti uniti al conflitto fra Russia e Ucraina dal futuro incerto, ha portato ad una sempre crescente attenzione da parte delle organizzazioni e prima ancora delle istituzioni rispetto al tema della sicurezza delle infrastrutture critiche del nostro paese. L’ obiettivo non è solo legato alla capacità del sistema di risolvere la crisi successiva ad un attacco cyber, ma, soprattutto, quello di rendere le organizzazioni sempre piùresilienti agli attacchi e l’Italia, come sistema paese, sempre più indipendente dal punto vista tecnologico.

A completare lo scenario la volontà da parte delle istituzioni italiane ed europee di cogliere tutte le opportunità dirette e indirette derivanti dal settore spazio con continui e crescenti investimenti.

Tale premessa, oltre a confermare uno scenario di mercato favorevole per il nostro Gruppo, dimostra come la direzione strategica impressa, focalizzata nel contribuire attraverso prodotti proprietari al raggiungimento da parte delle organizzazioni di una maggiore indipendenza tecnologia da vendor stranieri, sia la via giusta da percorrere.

Di seguito, gli obiettivi che il Gruppo si è prefisso nel prossimo periodo:

  • –  Presentazione al marcato corporate, rappresentato in parte dal Perimetro Cibernetico Nazionale, delle nostre soluzioni di Cyber Communication (PYN, GOT, X-BOX e MYID) e di Data Intelligence (Next Data e Webeye);
  • –  Evoluzione e lancio dei nuovi prodotti Cyber in ambito EPP, EDR, VA (Cyber Angel, Vulscan, Cerberus);
  • –  Presentazione dei servizi offerti dal nostro Malware Lab, il cui scopo è quello di analizzare tutte le campagne cyber più rilevanti in atto, caratterizzandone il modus operandi e le tecnologie utilizzate, oltre a profilare i “threat actor” attivi sulla scena.
  • –  Assunzione di risorse chiave al fine di rafforzare le competenze ingegneristiche e specialistiche in ambito Cyber.
  • –  Consolidamento del nostro ruolo da Prime Contractor nel mercato dei sistemi elettronici per la Difesa sui più importanti programmi Nazionali.
  • –  Partecipazione ai programmi finanziati dal PNRM riguardanti l’osservazione della terra relativi al mercato Spazio.
  • –  Sviluppo del piano di M&A con particolare attenzione a start up, spin off accademici, middle- size company nei settori cyber, spazio e microelettronica, caratterizzate da tecnologia/prodotti proprietari o competenze distintive ad alto potenziale.

Infine, il Gruppo continuerà nell’implementazione delle azioni di Marketing & Comunicazione previste dal piano al fine di aumentare la visibilità del brand e dei suoi prodotti sul mercato Corporate, accreditandolo sempre più come player nazionale di eccellenza.